Con i bambini alle cascate perdute di Sarnano

Da poco tempo il comune di Sarnano ha riqualificato e resi fruibili i percorsi per arrivare alle sue cascate, anticamente fonti e lavatoi per gli abitanti del borgo, oggi refrigerio e bellezza per quanti le raggiungono.

Noi abbiamo raggiunto solo le prime due cascate, dette del “Mulino” e de “Lu vagnatò”, poi causa stanchezza ci siamo fermati ma il percorso prevede l’arrivo alle cascatelle che si trovano a pochi kilometri.

Come arrivare

Lasciate l’auto in uno dei parcheggi sotto il centro storico: Largo Bozzoni oppure il parcheggio nei pressi del Palasport.

Da qui seguite i cartelli che indicano “Itinerario delle cascate perdute”, la prima cascata dell’Antico Mulino si raggiunge dopo circa 10 minuti di strada asfaltata che poi si apre su un sentiero in pendenza (non accessibile con il passeggino!). Qui gli spazi sono ridotti ma il comune ha allestito delle panche per permettere di accomodarsi e cambiarsi dopo un bagno “raggelante”: se volete muovervi più comodamente nei dintorni della cascata potreste provare a portare delle scarpette da roccia (questo consiglio vale un pò per tutte le cascate che visiterete).

E’ ora di tornare indietro per arrivare alla seconda cascata, quella detta de “Lu vagnatò” che si raggiunge ancora più facilmente non essendoci particolare pendenza: una volta arrivati troverete la splendida cascata raggiungibile attraverso delle scalette e delle particolari conformazioni rocciose levigate probabilmente dal lavoro delle lavandaie che qui negli anni hanno portato i loro panni a lavare. Il percorso fino a questa cascata è raggiungibile anche con il passeggino e, poco sopra la discesa verso la “spiaggetta”, troverete anche un punto pic-nic.

La chiesa con la strada in mezzo

Poco prima di arrivare alla cascata de “Lu vagnatò”, all’inizio del percorso incontrerete la chiesa della Madonna di Loreto: fu costruita nel XV secolo sull’antico tracciato della via detta della “Salaria Gallica”. La particolarità di questa chiesa è che non ha una facciata tradizionale. Infatti, per permettere il passaggio e la preghiera dei pellegrini, le porte di ingresso si trovano sui lati della struttura: da qui i viandanti potevano entrare direttamente senza lasciare la strada, fermarsi in preghiera e poi proseguire.

La chiesa della Madonna di Loreto di Sarnano

Qui il sito ufficiale di Sarnano Turismo per scoprire il percorso completo.

Cosa altro vedere nei dintorni di Sarnano con i bambini

Museo di storia naturale di Macerata

Piani di Ragnolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + 19 =